Product was successfully added to your shopping cart.

Ricette

BUSIATE AL PESTO DI PISTACCHIO E RICOTTA FRESCA

Difficoltà: 1/5
Tempi di cottura:
20 minuti
Dosi: 5 persone
Ingredienti: 500g busiate, 250g ricotta fresca, 3 cucchiai di pesto di pistacchio, 2 cucchiai di parmigiano, basilico q.b., pepe nero q.b., sale marino integrale WWF q.b.

Preparazione:
Amalgamate la ricotta con una frusta fino a farla diventare una crema e aggiungete il pesto di pistacchio. A fine cottura della pasta, scolatela e versatela nel tegame insieme al condimento, qualora risultasse asciutta aggiungere un po’ di acqua di cottura. Impiattate la pasta, aggiungete il pepe nero, il parmigiano, qualche fogliolina di basilico e servitela calda. (A piacere, dopo averla impiattata, potete aggiungere della granella di pistacchio di Bronte).

GNOCCOLI CON GAMBERETTI E PESTO DI PISTACCHIO

Difficoltà: 1/5
Tempi di cottura:
20 minuti
Dosi: 5 persone
Ingredienti: 500g gnoccoli, 10/15pz. di gamberi rossi, pesto di pistacchio 150g, prezzemolo q.b., aglio 1 spicchio, sale marino integrale WWF q.b., olio extra vergine d'oliva "Angelicum" q.b., vino bianco Grillo Premiato q.b., Olio aromatizzato "Essenziale" al cedro q.b.

Preparazione:
Pulite i gamberi eliminando la testa e il carapace. Per il fumetto: mettete in un tegame le teste dei gamberi sgusciati con l’Olio Extravergine di Oliva Angelicum, l’aglio e il prezzemolo. Aggiungete due cucchiai di vino bianco Grillo Premiato e lasciate evaporare. Quindi lasciate cuocere per circa 30 minuti con il coperchio e un bicchiere d’acqua a fiamma lenta in modo che si produca il fumetto. Se si asciuga aggiungere un pochino di acqua. Appena sarà pronto filtrate, aggiungete qualche gambero tagliato a pezzetti e i restanti gamberi interi e mettete da parte. Diluite il pesto di pistacchio con 3 cucchiai di acqua di cottura della pasta in modo da ottenere una crema morbida. A fine cottura della pasta, scolatela e versatela nel tegame insieme al fumetto, al pesto di pistacchio, ai gamberi e lasciate mantecare per qualche minuto. Impiattate la pasta e servitela calda.

Bollito di manzo con gelatina di Nero d’Avola

Difficolta: 1/5
Tempi di cottura: 20 minuti 
Dosi: 4 persone 
Ingredienti: 2lt di acqua , 500g Manzo a cubetti , 1 carota , 1/2 cipolla , *pomodoro secco sott’olio, 1 costa di sedano, *150g di gelatina di Nero d’Avola, *olio extravergine di oliva Angelicum, *sale integrale


Preparazione:

Pulire le verdure. Ponete la carne e le verdure in una pentola di acqua fredda. 
Salare e lasciate sobbollire il brodo per circa 2 ore a fuoco lento. Schiumate di tanto in tanto.
A fine cottura filtrare il brodo dalle verdure. Aggingere la gelatina di Nero d'Avola alla carne e mescolare. Potete utilizzate il brodo della carne per cuocere della pastina o dei tortelli aggiungendogli qualche pezzo di carne.

Buon appetito!

tutti i prodotti segnati con * sono di nostra produzione

Latte di Mandorle fatto in casa

Difficoltà: 1/5
Tempi di cottura:
20 minuti
Dosi: 2 persone
Ingredienti: 200 gr di mandorle bianche spellate , 1 lt di acqua , 1 pizzico di sale integrale.

Preparazione:
Munirsi di una brocca di vetro bastevole a contenere 1,5 lt di liquido. Metterci dentro 200 gr di mandorle bianche, un pizzico di sale e 200 ml di acqua; lasciare in frigo tutto il giorno. Riprendere la brocca e, con un minipimer, frullate il contenuto per un 5 minuti buoni: in questa fase bisogna essere indolenti e pigri. Sedetevi, accucciatevi la brocca tra le gambe, azionate il minipimer e pensate ai fatti vostri, con calma, calma e calma … … è tutta la fatica che dovrete fare. Finito di frullare, aggiungete gli 800 ml di acqua che mancano, date una girata veloce con il minipimer spento (per intenderci dovete usarlo come un cucchiaio, eh? mica vorrete sporcare un cucchiaio per niente?) e mettete in frigo tutta la notte. Totale dell’operazione: 5 minuti e zero sudore (il minipimer va da solo e voi non dovete nemmeno girare). Bevete, tal quale, il vostro latte di mandorle. CHE DELIZIA! “Ma il residuo?” direte voi! Tranquilli, il riposo avrà fatto depositare sul fondo tutto l’impasto di mandorle frullate e, quindi, non vi servirà nemmeno filtrare il latte, che sarà perfettamente fluido e privo di granuli … okkio perciò a NON GIRARLO! Totale dell’operazione: variabile … 30 secondi per un bicchiere … ma se vi bevete tutta la caraffa … eh eh eh ! Facile, vero? E ditemi che questo latte di mandorle non è a impatto ZERO? Di sicuro a ZERO SUDORE! Ebbene … abbiamo prodotto TUTTO NELLA BROCCA e non abbiamo sporcato null’altro! E si conserva in frigorifero per un paio di giorni. Vi piace? A Ravanello piace tantissimo! Link alla ricetta